Moon of Alabama, 2 maggio 2019 (trad.ossin)
 
Venezuela - Il fallimento del colpo di Stato impone un cambio di rotta – Baffo Bolton spinge per la guerra
Moon of Alabama
 
Dopo il fallimento del tentato golpe in Venezuela, qualcuno almeno riconosce che il governo Maduro gode di un significativo sostegno popolare. Il fallimento del colpo di Stato impone un cambio di rotta. Sfortunatamente è John Bolton l’uomo forte della situazione. È probabile che spinga per una guerra.
 
I media statunitensi, in particolare le TV via cavo, stanno chiaramente lavorando a favore del "cambio di regime" in Venezuela. Evitano persino di chiamare il colpo di Stato un colpo di Stato.
 
Molti giornalisti statunitensi che scrivono del Sud America sono estremamente prevenuti e non hanno remore a mentire. Vedi che cosa hanno scritto Anthony Faiola e Mariana Zuñiga sul Washington Post di oggi:
 
" Una manifestazione filo-governativa mercoledì a Miraflores, il palazzo presidenziale, ha richiamato circa 500 persone, molto meno delle numerose manifestazioni di migliaia di persone che hanno sostenuto Guaidó ".
 
 
 
 
Guarda tu stesso queste immagini prese da un drone.
 
 
 
Si può anche confrontare l’articolo del WaPo col resoconto del NYT (parzialmente simile al primo) che, però, almeno riporta alcuni fatti:
 
" Dall'altra parte della città, nel centro di Caracas, migliaia di sostenitori del signor Maduro vestiti di rosso marciavano lungo l'autostrada principale verso il palazzo presidenziale. Sembravano per lo più pensionati o lavoratori del settore pubblico. Molti sono stati portati da tutto il paese con autobus pubblici che erano parcheggiati, a migliaia, ai lati dell'autostrada.
È stata una delle più grandi manifestazioni filo-governative che si siano viste a Caracas da mesi, sottolineando l’interesse del governo di dimostrare la sua forza e la sua presenza dopo la fallita rivolta ".
 
Per comprendere la situazione in Venezuela e quanto potrà accadere, è necessario combinare molte fonti. Alcuni media e giornalisti sono semplicemente molto migliori degli altri. Alcuni fatti dimostrano quanto il tentativo di colpo di Stato e i piani stravaganti della Casa Bianca siano stati inopportuni. 
 
Bloomberg scrive:
 
" E' stato uno stratagemma che, fin dall'inizio, è apparso come un passo più lungo della gamba. Martedì scorso, Juan Guaido, affiancato dal suo mentore politico Leopoldo Lopez e da una manciata di soldati che avevano disertato, ha lanciato un messaggio al Venezuela e al mondo: è giunto il momento di rovesciare il regime autoritario di Nicolas Maduro. 
... 
L'intera vicenda era così bizzarra - con Guaido che non disponeva chiaramente di alcuna forza militare – da renderne difficile una corretta lettura "
 
Per l' Associated Press, Matt Lee e Ben Fox hanno un medesimo punto di vista:
 
" Per la terza volta in quest'anno, il momento decisivo, in Venezuela, si è rivelato un fallimento.
I responsabili dell'amministrazione Trump si aspettavano che mercoledì avrebbe potuto essere l'inizio della fine per il presidente Nicolas Maduro, con figure di alto livello che avrebbero ritirato il loro sostegno al governo, e l'opposizione che avrebbe promosso una rivolta di massa con l’appoggio dell’esercito.
 
O, almeno, è quanto si era lasciato credere all’amministrazione.
 
Ma le defezioni promesse non ci sono state, la rivolta dei militari non si è materializzata e Maduro sembra ancora saldamente al comando della nazione sudamericana. I responsabili di Trump sono tornati a lamentarsi del sostegno che il Venezuela riceve da Cuba e dalla Russia, lanciando vaghe minacce di un'azione militare ".
 
 
L'amministrazione Trump e i suoi burattini venezuelani sono stati chiaramente presi in trappola dal governo di Maduro. Alti funzionari venezuelani hanno fatto finta di essere pronti a consegnare il potere a Guaidó per spingerlo verso un'azione imbarazzante. La banda di Trump si è innamorata di lui e gli ufficiali venezuelani si sono sicuramente fatti una bella risata:
 
" Gli alti funzionari di Chavez che avevano negoziato con l’opposizione la cacciata del presidente venezuelano Nicolás Maduro, al momento opportuno hanno "spento i loro telefoni cellulari" e non hanno risposto, ha rivelato in un'intervista a Efe l'inviato degli Stati Uniti per il Venezuela, Elliott Abrams.
"Ho scoperto che molti di loro hanno spento i loro telefoni cellulari", ha riconosciuto Abramsm ".
 
La più ampia strategia statunitense di un “regime change” in Venezuela ha bisogno di un'escalation:
 
" La cacciata di Maduro avrebbe dovuto essere il detonatore di un effetto domino che avrebbe poi fatto crollare le dittature a Cuba e in Nicaragua.
I responsabili attuali e precedenti concordano nel ritenere che il fallimento della rivolta paralizzerà l’opposizione e danneggerà quella che è la priorità assoluta dell'amministrazione nell'emisfero.
 
"È ora o mai più", ha detto un funzionario dell'amministrazione. "Tutti lo capiscono, negli Stati Uniti e in Venezuela. Resta da vedere quanto dovrà essere brutto. Ma tutti la considerano l'ultima frontiera per abbattere Maduro. "
 
Oramai, per rovesciare il governo venezuelano, non bastano più le pressioni economiche, le fanfaronate e uno sconclusionato complotto:
 
La vicenda dovrebbe far riflettere sia l’opposizione venezuelana, sia i suoi sostenitori nel governo degli Stati Uniti, su come affrontare questa crisi", ha dichiarato David Smilde, professore ed esperto della Tulane University in Venezuela. "Mi pare chiaro che lo scenario pressione-crollo sul quale hanno lavorato sia oramai superato”.
Restando incerta la situazione sul campo, i principali assistenti alla sicurezza nazionale di Trump, tra cui Pompeo, il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton e il segretario alla Difesa Patrick Shanahan, che ha annullato un viaggio in Europa per lavorare sul Venezuela, si sono riuniti alla Casa Bianca per discutere le possibili opzioni   " .
 
L'amministrazione è in qualche modo divisa su quale direzione prendere. I falchi neoconservatori - Bolton, Pompeo, Abrams e Rubio – vogliono la guerra, mentre il loro capo e il Pentagono sono contrari. Trump vuole i voti dei milioni di falchi cubani della Florida, ma non ha interesse a impelagarsi in una lunga guerra. Il Pentagono sa che un'invasione del Venezuela porterebbe a un'altra guerra lunga decenni:
 
Trump ha mostrato poca volontà di impantanarsi nel Venezuela, secondo gli attuali e precedenti assistenti, ...
Il presidente ha peraltro detto a qualcuno che Bolton vuole farlo entrare in guerra. Due consiglieri che hanno discusso del Venezuela con lui hanno detto che Trump fa spesso riferimento alla politica della Florida, e al suo club di golf a Doral, quando parla dell'argomento. Entrambi hanno detto che Trump difficilmente autorizzerà alcun tipo di azione militare a lungo termine.
 
Allo stesso tempo, tuttavia, altri assistenti dicono che egli ha concesso ampi poteri a Bolton sul Venezuela  "
 
Dare a Bolton qualsiasi tipo di potere è un errore. È un burocrate crudele e spietato che sa come fare a modo suo. Bolton sta premendo sul Pentagono perché si scelga l’opzione militare:
 
" Premendo per una politica più aggressiva, Bolton ha irritato alcuni all'interno e all'esterno della Casa Bianca. Anche prima dei fatti di martedì, il suo staff si è scontrato con il generale Paul Selva, vice presidente di Dunford, nel corso di un incontro sulla crisi venezuelana in corso, secondo diversi funzionari informati dei fatti.
La settimana scorsa, il generale dell’aeronautica ha fornito aggiornamenti sul punto di vista del Pentagono e si è dichiarato contrario ad una rischiosa escalation da parte degli Stati Uniti, ma gli uomini di Bolton, tra cui Mauricio Claver-Carone, direttore per l'emisfero occidentale del Consiglio di sicurezza nazionale, lo ha ripetutamente interrotto chiedendo si optasse per un intervento militare, secondo i funzionari. 
... 
Un alto funzionario dell'amministrazione ha detto che lo staff di Bolton non era soddisfatto di Selva che, secondo loro, non aveva sufficientemente valutato l’opzione militare per il Venezuela come previsto. Selva, secondo persone informate, riteneva che lo stile conflittuale dello staff di Bolton fosse fuori luogo  "
 
Claver-Carone fa parte della banda anti-cubana all'interno dell'amministrazione Trump.
 
Non è la prima volta che Bolton e il Pentagono si scontrano. Un recente ritratto newyorkese di Bolton riferisce di una situazione simile nell'aprile 2018 dopo il falso "attacco chimico" in Siria:
 
"  Quando Bolton chiese al Pentagono cosa si doveva fare, Mattis propose solo un attacco limitato con missili cruise. Bolton era furioso, qualcuno che sa come la pensa mi ha detto: "Mattis è un ostruzionista. Sembrava dimenticare che era il presidente ad essere stato eletto". Con qualche aggiustamento, Trump autorizzò l'attacco. Ma Bolton voleva di più; credeva che gli Stati Uniti avessero bisogno di una presenza militare più duratura in Siria  " 
 
 
Il ritratto include altri aspetti che qui interessano. Bolton ha l’abitudine di negare o esagerare le informazioni di intelligence, quando la realtà contraddice le sue affermazioni:
 
" Nel maggio 2002, ha parlato alla Heritage Foundation, dove ha accusato il governo cubano di sviluppare un ambizioso programma di armi biologiche e di collaborare con stati paria come la Libia e l'Iran. Mentre si preparava a dire più o meno le stesse cose dinanzi al Congresso, Christian Westermann, un analista dell'ufficio di intelligence interno del Dipartimento di Stato, gli disse che le informazioni in possesso del suo ufficio non confermavano le sue affermazioni. (Westermann ha rifiutato di commentare questa storia). Bolton, secondo alcuni funzionari, minacciò di licenziarlo. "Si fece tutto rosso e sollevò il dito contro di me, spiegandomi che stavo andando molto oltre quanto mi consentiva la mia posizione di persona che lavorava per lui", Westermann ha successivamente testimoniato. "Gli risposi che non lavoravo per lui." Bolton cominciò a escludere il supervisore di Westermann dai briefing quotidiani e, dopo un tentativo infruttuoso di licenziamento, tentò di trasferirlo ad altro ufficio.
... 
Nel 2003, mentre preparava un’altra dichiarazione al Congresso, descrisse gli sforzi della Siria per produrre armi nucleari e biologiche come una minaccia urgente - una valutazione che le agenzie di intelligence ritenevano esagerata. Seguì un aspro dibattito interno; queste accuse di Bolton rischiarono di compromettere la cooperazione del governo siriano nella caccia ai presunti terroristi. "Stavamo ottenendo alcune delle nostre migliori, se non la nostra migliore informazione su Al Qaeda da Damasco", mi ha detto Lawrence Wilkerson. Richard Armitage, il vice segretario di Stato, prese in disparte Bolton e "gli intimò di stare zitto", ha detto Wilkerson. 
...
Tony Blinken, che [nel 2005] era il direttore del personale della Commissione per le relazioni estere del Senato, mi disse che i componenti della Commissione erano stati colpiti dal lavoro svolto da Bolton al Dipartimento di Stato. "Abbiamo constatato che il signor Bolton cerca di manipolare le informazioni di intelligence per giustificare le sue opinioni", mi ha detto Blinken. "Se fosse successo una volta, forse. Ma è venuto fuori più volte, ed era sempre la stessa cosa: faceva delle affermazioni e poi, se i servizi non le confermavano, cercava di manipolare le informazioni e di emarginare i funzionari che le avevano prodotte .
 
 
Adesso Bolton vende nuova Kool-Aid:
 
" Ha detto che il Venezuela costituisce un pericolo, perché consente alla Russia di prendere piede nella regione. Ha detto che ci sono ventimila cubani in Venezuela che prestano servizio come "sostituti dei Russi". Ci sono anche almeno cento soldati russi e mercenari, che aiutano Maduro a rimanere al potere. "Per sloggiare i Russi, bisogna che cambi il governo”, ha detto ".
 
Quello che Bolton dice dei cubani contraddice le informazioni di intelligence che riceve:
 
" Un cosa in cui la Casa Bianca è in disaccordo con la CIA è la valutazione fatta dall’agenzia sulla partecipazione e il sostegno cubani al governo di Maduro.
Il signor Bolton e il signor Pompeo hanno costantemente criticato Cuba per il suo sostegno al governo venezuelano. Ma la CIA ha concluso che Cuba è molto meno coinvolta e il suo sostegno è stato molto meno importante di quanto ritengono gli alti funzionari dell'amministrazione, secondo un ex funzionario ".
 
Sfortunatamente, Bolton si trova adesso in una posizione che gli attribuisce molta influenza su Trump:
 
" Lo staff ha scoperto che i briefing dettagliati provocano l'impazienza di Trump; i grafici e i punti salienti funzionano meglio e le fotografie sono ancora meglio. "Bolton arriva al punto molto velocemente", mi ha detto un alto funzionario dell'Amministrazione. "È molto sintetico, e il Presidente lo apprezza". Groombridge, l'ex assistente, ha detto: "John pensa: nella misura in cui posso cambiare o ammorbidire le azioni del Presidente, lo farò. È veramente un patriota. Ma mi chiedo come faccia a lavorare giorno dopo giorno, perché nel profondo del suo cuore crede che il Presidente sia un idiota". 
... 
Con la squadra di sicurezza nazionale di Trump che si è ridotta - nessun segretario alla Difesa permanente, nessun segretario alla Sicurezza interna, nessun ambasciatore alle Nazioni Unite - Bolton godrebbe di una straordinaria libertà in caso di crisi. "John capisce che bisogna assicurare al presidente l'approvazione del pubblico che conta", ha detto Hundt. "Finché la base di Trump continua ad applaudire, allora Bolton può fare tutto ciò che vuole".
Per Bolton, è in definitiva una questione di sovranità. "La Dottrina Monroe è viva e vegeta", ha detto. "È il nostro emisfero". Questa dottrina, ha osservato, era il divieto per le potenze straniere di ingerirsi in America Latina. "Questo non significa per forza una guerra", ha detto. "Questo è il Corollario di Roosevelt. Non ho ancora chiesto l’intervento dell’esercito – non ancora “. Ma, ha sostenuto, come ha fatto innumerevoli volte negli ultimi trent'anni, che ‘tutte le opzioni sono sul tavolo ".
 
 
Il corollario Theodore Roosevelt, abbandonato da tempo, era un'aggiunta all'egualmente abbandonata Dottrina Monroe:
 
" Roosevelt affermò che, in linea con la dottrina Monroe, gli Stati Uniti erano legittimati ad esercitare il "potere internazionale di polizia" per porre fine a disordini cronici o malversazioni nell'emisfero occidentale. Mentre la Dottrina Monroe aveva cercato di impedire l'intervento europeo, il Corollario di Roosevelt fu usato per giustificare l'intervento degli Stati Uniti in tutto l'emisfero  " .
 
Sembra chiaro che John Baffo Bolton, come lo ha battezzato Pat Lang, farà guerra al Venezuela se non ci sarà altro modo per mettere fuori gioco i Chavisti e assicurare il controllo del suo petrolio da parte degli Stati Uniti.
 
 
Trump riconosce già che Bolton lo sta spingendo in quella direzione. Si spera che l'episodio del colpo di Stato fallito di martedì gli abbia insegnato che i piani, le promesse e le affermazioni di Bolton sono inclini a fallire e a creare imbarazzi.
 
Il popolo statunitense non vuole un'altra guerra. Tutti i paesi latinoamericani sono egualmente contrari. Ci saranno resistenze da entrambe le parti contro la guerra. A differenza di Joe Biden, alcuni democratici sono - almeno per ora - contro un intervento:
 
" Tutte queste opzioni non dovrebbero coinvolgere militari statunitensi, ha detto il deputato Eliot Engel, un democratico di New York che è presidente della commissione Affari esteri della Camera ed è stato informato da Pompeo e Bolton sulla situazione.
Engel, che ha recentemente visitato i rifugiati venezuelani sul confine colombiano e crede che Maduro dovrebbe andarsene, ha detto che il Congresso ha troppo spesso partecipato ad avventure militari all'estero. "Penso che i giorni in cui gli Stati Uniti possono intervenire e inviare i Marines siano finiti e dovrebbero essere finiti", ha detto ".
 
 
" Il senatore del New Jersey Bob Menendez, alto responsabile democratico del Comitato per le relazioni estere del Senato, ha invitato alla prudenza e ha detto che gli eventi di martedì suggeriscono che l'esito desiderato potrebbe non essere raggiungibile a breve termine. Ha avvertito che l'intervento militare potrebbe essere controproducente, un'opinione condivisa dagli alleati regionali.
"Sarebbe un enorme errore per l'amministrazione Trump mal calcolare e indebolire questo nascente movimento democratico con un intervento militare che coinvolga le truppe statunitensi ".
 
L'opzione migliore per Trump è semplicemente quella di mettere da parte il problema. Ci sono abbastanza altri problemi sui quali agitarsi. Ma deve anche ordinare ai suoi collaboratori e alla CIA di lasciare il Venezuela in pace. Potrebbe altrimenti svegliarsi e sentirsi dire che il Venezuela ha affondato il Maine o che Maduro ha attaccato le navi statunitensi nel Mar dei Caraibi. Bolton non avrà scrupoli a inventarsi qualcosa del genere.
 
È un uomo pericoloso e dovrebbe essere licenziato.
 
 
 
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2019