OrientalReview, 2 marzo 2015 (trad. ossin)


L’assassinio politico negli USA, una specialità

Sage Eurasian


Negli ultimi trenta anni, negli Stati Uniti, dodici personalità politiche di primo piano sono state assassinate come Boris Nemtsov


Nel momento in cui la Russia viene colpita da un nuovo attacco di propaganda a proposito dell’assassinio di Nemtsov a Mosca, è bene ricordare che dodici personalità statunitensi, importanti uomini politici di livello nazionale, sono state assassinate o sono morte in circostanze sospette – senatori, membri del Congresso, procuratori federali, un giudice federale, un governatore, un direttore della CIA; tutti impegnati in inchieste sulla corruzione o oppositori degli oligarchi statunitensi – dopo l’omicidio nel 1963 di John Fitzgerald Kennedy. Con quattro colpi di Stato tentati durante le ultime dieci presidenze.

Questa lista mostra con chiarezza la minaccia continua di assassinio che plana negli Stati Uniti su qualsiasi procuratore, giudice nazionale o politico che non si asservisca agli interessi delle famiglie politiche che comandano. Occorre ricordare, in particolare, la recente uccisione con colpi d’arma da fuoco, tenuta nascosta dai media, del giudice federale degli Stati Uniti, John McCharthy Roll, che si era inimicato i potenti dell’Arizona, nonché le morti per suicidio dei due procuratori statunitensi Shannon Ross e Thelma Colbert … attentati che tengono addirittura la Corte Suprema e tutti i procuratori sotto ricatto, affinché si comportino docilmente.



 

(1)-(2) Due membri del Congresso, Thomas Hale Boggs Sr, capo della maggioranza (a destra), con Nick Begich, deputato dell’Alaska, rimasti uccisi nello stesso incidente aereo, il 16 ottobre 1972; Boggs era coinvolto nell’inchiesta sull’omicidio di Kennedy.



(3) Il membro del Congresso Larry McDonald della Georgia è stato ucciso il 1° settembre 1983, a bordo di un aereo di linea coreano che è stato abbattuto mentre sorvolava l’oceano; McDonald aveva depositato dei progetti di legge per l’apertura di una inchiesta del Congresso sulla Commissione mondialista trilaterale e la CFR (Council on Foreign Relations).



(4) L’ex senatore del Texas John Tower, rimasto ucciso in un incidente aereo il 5 aprile 1991, dopo avere criticato gli scandali Reagan-Bush.



(5) William Colby, ex direttore della Central Intelligence Agency degli Stati Uniti (CIA), ritrovato morto il 27 aprile 1996. Una storia farsesca: sarebbe annegato in seguito ad un attacco cardiaco mentre si trovava in canoa nella sua casa di vacanza in Maryland. Colby aveva fatto delle rivelazioni critiche sulla politica statunitense.



 

(6) Sonny Bono, cantante del gruppo Sonny & Cher, membro del Congresso e componente del comitato-chiave House Judiciary Committee, ucciso il 6 gennaio 1998, dopo avere guadagnato una poltrona che gli avrebbe permesso di indagare sulla corruzione ai livelli più alti. Bono trattava dossier sulla corruzione giudiziaria e il commercio della droga da parte della CIA…  Storia falsa, del tipo: l’eccellente sciatore si sarebbe schiantato, durante una discesa, di spontanea volontà contro un albero… perfino gli ex agenti della CIA dicono che è stato un assassinio.



(7) Il governatore del Missouri Melvin Eugene ‘Mel’ Carnahan, rimasto ucciso in un incidente aereo il 16 ottobre 2000. Carnahan era avversario del vizioso procuratore generale John Ashcroft in elezioni, nelle quali è risultato vincitore anche dopo la sua morte.




(8) Il senatore Paul Wellstone del Minnesota, rimasto ucciso in un incidente aereo il 25 ottobre 2002 dopo essersi opposto alla guerra USA in Iraq.



 

(9) l’ex membro del Congresso Wayne Owens dell’Utah, trovato morto a Tel Aviv, Israele, il 18 dicembre 2002, mentre svolgeva una inchiesta sulla corruzione del triangolo israelo-americano-palestinese.



(10)-(11) I procuratori federali Thelma Colbert, ministero della Giustizia a Fort Worth, Texas (a sinistra) e Shannon Ross, procuratore generale a Dallas, Texas, impegnati insieme nell’inchiesta sui rapporti tra la famiglia Bush e Novation LLC, entrambi suicidatesi a qualche settimana di intervallo. Colbert annegata nella sua piscina nel luglio 2004, e Ross trovata morta a casa sua il 13 settembre 2004. L’inchiesta sui Bush è stata sotterrata con loro.



(12) Il giudice federale John Roll, abbattuto a Tucson, in Arizona, l’8 gennaio 2011, dopo alcune decisioni contro Obama e il governo USA…  Il colpevole, un folle drogato, ha confessato e poi non si è saputo più nulla di lui. I media hanno quasi totalmente mascherato questa storia indicando come vittime predestinate altre persone, perché l’obiettivo era quello di intimidire tutti gli altri giudici statunitensi, mostrando loro come potevano sparire improvvisamente, senza che nessuno si preoccupasse di ricercarne né le ragioni né i colpevoli.

L’omicidio (6) del membro del Congresso, appartenente allo House Judiciary Committee, Bono, che controllava i giudici, è stato a sua volta utilizzato per terrorizzare nel 2008-2009 John Conyers, presidente del Judiciary Committee e inibirlo dal varare un audace piano diretto a destituire i giudici corrotti, quando Conyers si era temporaneamente entusiasmato per il battage mediatico fatto a proposito del suo compatriota nero Barack Obama, che era stato eletto presidente; la moglie di Conyers è stata arrestata per avere detto che il marito aveva ricevuto delle minacce di morte.

Da notare anche che, dei dieci ultimi presidenti USA, quattro sono stati vittime di tentativi di colpi di Stato. Due presidenti sono stati attinti da colpi d’rama da fuoco – John F. Kennedy, uccido nel 1963, poi Ronald Reagan, ferito da un killer legato alla famiglia dell’attuale vice presidente Bush.

Due altri presidenti hanno subito delle procedure di impeachment, montate di sana pianta dalla CIA. Prima, nel 1974, il colpo silenzioso del Watergate, utilizzando l’agente segreto Bob Woodward, che si fece passare al Washington Post come un giornalista coraggioso, mentre aveva lavorato nei Servizi Segreti direttamente agli ordini dell’ammiraglio Maurer, capo di stato maggiore. Poi Bill Clinton negli anni 1990, quando si mostrava riluttante ai piani di bombardamento della Serbia che avrebbero ammazzato migliaia di persone. Venne preso in trappola in una grottesca vicenda di costume dall’agente Monica Lewinsky… Clinton si è piegato e ha cominciato i bombardamenti, poco dopo una assoluzione bene orchestrata.   

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2022