Quando Bush senior era favorevole alla la pena di morte per gli omosessuali

Solo da dieci anni la sodomia non è più reato negli USA

Ossin


E’ scandaloso che in alcuni paesi l’omosessualità sia punita con la prigione o peggio. Ma non tutti i recenti difensori dei diritti dei gay hanno le carte in regola, e il loro sdegno verso le discriminazioni di cui sono vittima gli omosessuali è piuttosto discutibile


In occasione del recente G20 a San Pietroburgo, il presidente Obama ha sfidato il suo ospite Putin, incontrando gruppi di attivisti russi per i diritti umani, tra cui militanti di organizzazioni di gay e lesbiche (1), in evidente polemica con il progetto di legge russo che vieta la propaganda omosessuale in presenza di minori (e dunque i gay pride).


E’ un vizietto degli Stati Uniti quello di censurare i paesi (almeno quelli che non servono i loro interessi) che adottano comportamenti simili a quelli che essi stessi hanno praticato su larga scala in un più o meno recente passato. A cominciare dal genocidio dei nativi, all’atto terrorista più spaventoso che la Storia conosca (le atomiche di Hiroshima e Nagasaki), alle tonnellate di bombe chimiche al napalm sganciate sul Vietnam e quelle all’uranio impoverito con cui hanno bersagliato la Serbia e l’Iraq, fino alla protezione dei terroristi cubani anticastristi e alle ricorrenti invasioni (Grenada, Panama, Iraq), ai colpi di Stato (Cile, Argentina. Indonesia), al sequestro illegale dei “detenuti” di Guantanamo e alle esecuzioni extragiudiziarie coi droni che ogni mattina Obama decide coi suoi collaboratori nella Sala Ovale.


Gli Stati Uniti sanno che possono fare tutto. Basterà pentirsene poi, dopo averne ricavato tutti i possibili profitti, e nessuno oserà criticarli, ma anzi saranno elogiati per la loro perfetta democrazia.


Così il maestrino Obama ha pensato bene di poter dare lezioni di tolleranza a Putin, dimenticando che nel suo paese, gli Stati Uniti, fino al 2003 (sentenza Lawrence et al. Vs. Texas) la sodomia, etero e omosessuale, era considerata un delitto.


La situazione era la seguente (2) : 

In Alabama, la sodomia etero e omosessuale era punita fino a 1 anni di prigione e/o fino a 2000 dollari di multa (non applicabile a coppie sposate);
In Arizona, era punita fino a 30 giorni di prigione e/o fino a 500 dollari di multa;
In Arkansas, fino alla legge abrogativa del 2002, la sodomia era punita fino a un anno di prigione e/o fino a 1000 dollari di multa;
In Carolina del nord, la sodomia etero e omosessuale era punita fino a 10 anni di prigione;
In Carolina del Sud, fino a 5 anni di prigione e/o fino a 500 dollari di multa;
In Florida, fino a 60 giorni di prigione e/o 500 dollari di multa;
In Idaho, da 5 anni di prigione fino all’ergastolo;
In Kansas, fino a 6 mesi di prigione e/o fino a 1000 dollari di multa;
In Louisiana, fino a 5 anni di prigione e/o fino a 2000 dollari di multa;
In Massachusetts, da 5 a 20 anni di prigione e/o da 100 a 1000 dollari di multa;
In Michigan, fino a 15 anni di prigione;
In Minnesota, fino a 1 anno di prigione e/o fino a 3000 dollari di multa;
In Mississippi, fino a 10 anni di prigione;
In Missouri, la sola sodomia omosessuale era punita fino a 1 anno di prigione e/o fino a 1000 dollari di multa;
In Oklahoma, la sola sodomia omosessuale era punita fino a 10 anni di prigione;
In Texas, la sola sodomia omosessuale era punita fino a 200 dollari di multa;
In Utah, la sodomia etero e omosessuale era punita fino a 6 mesi di prigione;
In Virginia, la sodomia etero e omosessuale era punita da 5 anni a 20 di prigione;

E in tutti gli altri Stati, più o meno fino agli anni 1970, vigevano pene più o meno severe contro i sodomiti.


La storica sentenza della Corte Suprema fu pronunciata sul ricorso di John G Lawrence e Tyron Garner, sopresi a fare sesso nell’appartamento del primo. Era il 1998 a Huston, e la polizia texana penetrò nell’appartamento di Lawrence su segnalazione di un vicino, arrestando i due sodomiti. Essi vennero condannati per rapporto sessuale deviato (deviate sexual intercourse). La Corte Suprema si pronunciò il 26.6.2003, abolendo il reato di sodomia (4).


Lo scorso settembre (3) i media di tutto il mondo hanno pubblicato la notizia che George Bush senior aveva partecipato ad una festa di matrimonio gay, in Maine. L'ex presidente, insieme alla moglie Barbara, era stato addirittura testimone del matrimonio omosessuale celebrato a Kennebunk tra Bonnie Clement e Elena Thorgalsen, amiche da tempo della famiglia presidenziale.


Le due donne, infatti, hanno un negozio di alimentari nella cittadina di Kennebuck, sempre nel Maine, non lontano da una proprietà dei Bush. L’ex presidente, tuttavia, non è forse completamente presente a sé stesso: in una foto pubblicata su Facebook dalle spose, si vede l'ex presidente americano che firma l'atto di nozze sfoggiando due calzini di colore diverso: uno rosso a pois e l'altro blu.


Il Parkinson che affligge da anni l’ex presidente deve avergli giocato un brutto scherzo, se si tratta – come si tratta -  dello stesso George H.W. Bush che, negli anni 1960 quando era rappresentante del Texas alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, era favorevole alla pena di morte per gli omosessuali recidivi.


La verità è che il recente riconoscimento dei diritti omosessuali negli Stati Uniti non rappresenta affatto una crescita del sentire comune di questo paese che continua a essere profondamente e violentemente intollerante, ma è frutto della scelta (vincente) della comunità gay di trasformarsi in lobbie. Una lobbie oramai molto potente e, come tale, rispettata dai cittadini degli Stati Uniti al pari di tutti gli altri potenti.
 
In effetti, più che i diritti, l'America rispetta i soldi.

 

Riferimenti:


(1) La Repubblica.it, 2 settembre 2013 
http://www.repubblica.it/esteri/2013/09/02/news/obama_gay_russia-65776985/


(2) 
http://it.wikipedia.org/wiki/Diritti_LGBT_negli_Stati_Uniti_d'America


(3) L’Huffijgton Post, 26 settembre 2013
http://www.huffingtonpost.it/2013/09/26/george-bush-senior-testimone-nozze-gay_n_3996312.html


(4) 
http://progettogayforum.altervista.org/viewtopic.php?f=20&t=2325

 

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2022