ProfileLa guerra in Medio Oriente, 30 marzo 2020 - L'amministrazione Trump sta reagendo allo stress pandemico lanciandosi contro ipotetici nemici interni ed esterni. Il segretario di Stato Mike Pompeo dirige le operazioni estere (nella foto, il Tempio del Cielo a Pechino)        

Moon of Alabama, 28 marzo 2020 (trad.ossin)
 
Questo sarà il secolo cinese
Moon of Alabama
 
L'amministrazione Trump sta reagendo allo stress pandemico lanciandosi contro ipotetici nemici interni ed esterni. Il segretario di Stato Mike Pompeo dirige le operazioni estere
 
Il Tempio del Cielo a Pechino
 
Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha chiesto un "cessate il fuoco globale immediato" per concentrarsi sulla lotta contro Covid-19. Ha anche fatto appello a rinunciare a "sanzioni che possono minare la capacità dei paesi di rispondere alla pandemia".
 
Ma Washington non gli dà ascolto.
 
Le richieste del Venezuela e dell'Iran al FMI per un prestito di emergenza finalizzato all'acquisto di forniture mediche sono state bloccate dagli interventi statunitensi.
 
Solo un mese fa Pompeo ha annunciato ulteriori sanzioni contro l'Iran. Le sanzioni bloccano i trasferimenti di denaro. Rendono impossibile per l'Iran l'importazione delle attrezzature mediche di cui ha urgente bisogno per contrastare l'epidemia.
 
Per quanto gli Stati Uniti abbiano rinnovato l'esenzione dalle sanzioni che consentono all'Iraq di importare elettricità e gas dall'Iran, attualmente essa è limitata a soli 30 giorni. Un terzo dell'elettricità irachena dipende da quelle importazioni dall'Iran e, se l’esenzione non verrà rinnovata, i suoi ospedali si oscureranno proprio quando l'epidemia raggiungerà il suo apice.
 
Parti dell'amministrazione Trump stanno persino facendo pressioni per una guerra più ampia contro le presunte forze proxy iraniane in Iraq:
 
" Il Pentagono ha ordinato ai comandanti militari di pianificare un'escalation dei combattimenti statunitensi in Iraq, emanando la scorsa settimana una direttiva per preparare una campagna diretta ad annientare un gruppo di miliziani appoggiato dall'Iran che ha minacciato ulteriori attacchi contro le truppe USA.
 
Ma il massimo comandante degli Stati Uniti in Iraq ha avvertito che una simile campagna potrebbe essere sanguinosa e controproducente e rischiare la guerra con l'Iran. 
(...)
Alcuni alti funzionari, tra cui il segretario di Stato Mike Pompeo e Robert C. O'Brien, il consigliere per la sicurezza nazionale, hanno spinto per nuove aggressive azioni contro l'Iran e le sue forze per procura - e vedono un'opportunità per cercare di distruggere le milizie sostenute dall’Iran che operano in Iraq, adesso che la dirigenza iraniana è distratta dalla crisi pandemica nel loro paese.
 
I leader militari, tra cui il segretario alla Difesa Mark T. Esper e il generale Mark A. Milley, il presidente del Joint Chiefs of Staff, hanno diffidato ad evitare una forte escalation militare, avvertendo che essa potrebbe destabilizzare ulteriormente il Medio Oriente in un momento in cui il presidente Trump ha detto che spera di ridurre il numero di truppe statunitensi nella regione " 
 
Il piano è pazzo. Non si possono "distruggere" Kataib Hezbollah e altri gruppi sciiti iracheni che l'Iran ha contribuito a costruire durante la guerra contro l'ISIS. Questi gruppi fanno parte di partiti politici con profonde radici nella società irachena.
 
Francia, Italia e Repubblica Ceca hanno iniziato a ritirarsi dall'Iraq. Anche la Danimarca se ne sta andando e il Regno Unito sta ritirando il 50% della sua forza. Ci sono meno di 5.000 soldati statunitensi in Iraq e una guerra contro Kataib Hezbollah potrebbe mobilitare centinaia di migliaia di iracheni per combattere contro l'occupazione statunitense. Una simile guerra coinvolgerebbe anche l'Iran, e gli Stati Uniti la perderebbero sicuramente.
 
Gli Stati Uniti hanno attualmente due gruppi di portaerei nel mare arabo per minacciare l'Iran. Ma quelle navi non sono, al momento, di alcuna utilità. Sono "navi da crociera con fucili". Sono come capsule di Petri nucleari da cinque miliardi di dollari per nuovi focolai di coronavirus. Due gruppi di trasportatori statunitensi nel Pacifico sono già fuori combattimento perché hanno a bordo importanti focolai di infezione. È solo una questione di tempo prima che gli altri vettori seguano.
 
Gli Stati Uniti non mirano solo all'Iraq e all'Iran. Il Dipartimento di Stato statunitense ha tagliato i suoi contributi all'assistenza sanitaria nello Yemen proprio in tempo di estrema necessità:
 
" I funzionari dell'Agenzia per lo sviluppo internazionale degli Stati Uniti hanno dichiarato che la decisione di interrompere i finanziamenti, riportata in precedenza dal Washington Post, includeva eccezioni per "attività critiche salvavita, incluso il trattamento della malnutrizione, nonché i programmi di acqua, sanificazione e igiene volti a mantenere le persone sane e allontanare la malattia ".
 
Ma i funzionari umanitari hanno affermato che le eccezioni dell'agenzia non comprendono il continuo finanziamento dei programmi sanitari di base, che dipendono fortemente dagli aiuti stranieri e non sembrano prendere in considerazione ciò che potrebbe accadere quando il coronavirus inizierà a diffondersi ".
 
Non contento di avere incasinato il Medio Oriente, il Dipartimento di Stato ha anche rinnovato il suo assalto al Venezuela. Giovedì il Dipartimento di Giustizia ha lanciato accuse di "narco-terrorismo, corruzione, traffico di droga e altri crimini" contro il presidente Nicolas Maduro e 14 ex o attuali funzionari. Ha messo in palio una ricompensa di $ 15 milioni per l'arresto di Maduro.
 
Sostiene che Maduro ha lavorato con i cartelli colombiani per contrabbandare cocaina attraverso il Venezuela.
 
Ma ecco una mappa delle rotte di contrabbando dall'alleato statunitense Colombia, dove viene prodotta la maggior parte della cocaina. È stata mostrata durante un'audizione del Congresso. Tutto ciò che viene contrabbandato attraverso il Venezuela è una piccola parte rispetto all'enorme flusso che attraversa il Pacifico.
 
 
Chiunque abbia scritto e firmato l'accusa ha commesso un grave errore. Le accuse includevano anche Clíver Antonio Alcalá Cordones, un ex generale delle forze armate venezuelane, sulla cui testa è stata posta una taglia di $ 10 milioni.
 
Alcalá Cordones non è amico di Maduro. Se ne andò in pensione nel 2013, quando Maduro fu eletto dopo la morte di Hugo Chávez. Alcalá Cordones fuggì in Colombia da dove sostenne il clown scelto dagli Stati Uniti Juan Guaidó come autoproclamato presidente del Venezuela.
 
Dopo l'accusa del Dipartimento di Giustizia contro di lui, ha deciso di rivelare che era coinvolto in piani di colpo di Stato a sostegno di Juan Guaidó:
 
" Alcalá è implicato in un recente complotto contro il governo Maduro. Il 24 marzo, le autorità colombiane hanno sequestrato un camion pieno di armi e attrezzature militari, tra cui 26 fucili d'assalto, del valore di $ 500.000. I servizi di intelligence venezuelani hanno collegato le armi a tre campi in Colombia, dove gruppi paramilitari di disertori venezuelani e mercenari statunitensi si stanno addestrando per effettuare attacchi contro il Venezuela. Secondo il ministro della Comunicazione venezuelano Jorge Rodríguez, questi gruppi stavano progettando di sfruttare la pandemia di COVID-19 per attaccare unità militari e piazzare bombe. Ha anche collegato questi gruppi ad Alcalá.
 
Queste accuse si sono rivelate fondate, in quanto Alcalá, in un video postato successivamente, ha ammesso che le armi erano sotto il suo comando. Ha inoltre ammesso che le armi sono state acquistate con fondi datigli da Juan Guaidó, con il quale avrebbe firmato un contratto. Inoltre, Alcala ha affermato che l'operazione era stata pianificata da consulenti statunitensi, con i quali avrebbe dovuto incontrarsi almeno sette volte. Alcalá ha anche affermato che Leopoldo López, il fondatore del partito Voluntad Popular di Guaidó, evaso dagli arresti domiciliari durante il tentativo di insurrezione del 30 aprile di Guaidó, aveva piena conoscenza del complotto terroristico.
 
A seguito di questi video, il procuratore generale del Venezuela ha avviato un'indagine su Juan Guaidó per un tentativo di colpo di Stato ".
 
Sono stati gli Stati Uniti a fare esplodere il caso, accusando l'unico uomo disposto ad aiutare il loro burattino e non informandolo prima della pubblicazione dell’atto di accusa. Quell'uomo poi è andato fuori di testa e ha cantato. Questa situazione oramai minaccia l'intero piano di opposizione che gli Stati Uniti avevano inventato con Guaidó e gli uomini dietro di lui.
 
Venerdì Alcalá Cordones ha deciso che non era sicuro per lui rimanere in Colombia. Ha "convocato" la Drug Enforcement Administration degli Stati Uniti e si è arreso. È stato estradato a New York e ora diventerà un 'testimone' contro Maduro a cui si era opposto pubblicamente. 
 
Questo caos è stato sicuramente creato da Elliott Abrams, il neoconservatore rappresentante speciale degli Stati Uniti per il Venezuela. Abrams ha un talento speciale per fare casino.
 
La politica estera statunitense durante la crisi è stata terribile. Gli Stati Uniti hanno fatto arrabbiare la Cina, il più grande produttore di maschere e medicine di urgente necessità, chiamando il virus "virus Wuhan" o "virus cinese", un’abitudine che si è interrotta solo dopo una telefonata tra Trump e Xi Jinping. Ha fatto arrabbiare la Germania quando ha cercato di acquistare diritti esclusivi per un potenziale vaccino che si sta sviluppando lì. Le richieste di aiuto di diversi alleati europei sono state lasciate senza risposta mentre Cina e Russia si sono mobilitate per aiutare oltre 80 paesi. Nel frattempo Pompeo castigava l'Italia per aver accettato medicine e medici cubani.
 
Ci sarà un grande costo da pagare per questo quando la pandemia sarà finita. Gli Stati Uniti si sono rivelati alleati inaffidabili, come un idiota bellicoso che non cessa di danneggiarsi e non è in grado di aiutare i propri cittadini.
 
La Cina, d'altra parte, ha sconfitto l'epidemia a casa e ora aiuta a sconfiggerla ovunque possibile. Questo sarà il suo secolo.
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura
 
 
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020