ProfileLe schede di Ossin, 20 dicembre 2019 - Israele è nato dalla pulizia etnica della popolazione palestinese. Nel dicembre 1947 c'erano 600.000 Palestinesi ebrei e 1,3 milioni di Palestinesi arabi. Gli Ebrei possedevano meno del 7% della terra e quasi tutte le terre coltivate erano di proprietà di Palestinesi arabi...    
ファッションコーディネート

 

Inconvenient History, 21 aprile 2019 (trad.ossin)
 
La storia (vera e discriminatoria) di Israele
John Wear
 

Il movimento per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni (BDS) è nato per esercitare pacificamente pressioni su Israele affinché metta fine alle sue pratiche discriminatorie contro i Palestinesi. Sono stati creati vari gruppi sionisti / ebraici per contrastare la strategia BDS. Una di queste organizzazioni è la Academic Engagement Network (AEN), che si presenta come un'organizzazione di facoltà e universitari statunitensi che si oppongono al movimento BDS. [1]
 
Mark Yudof, presidente dell'Advisory Board di AEN, afferma: “La strategia del BDS è anche un palese tentativo di cooptare il linguaggio dei diritti umani: Israele è una nazione di coloni, un bastione di privilegi bianchi, uno stato razzista e di apartheid e responsabile di presunto genocidio". [2] Questo articolo analizzerà se le critiche di Yudof alla strategia BDS sono storicamente fondate.
 
 
Israele nato dalla pulizia etnica
 
Israele è nato dalla pulizia etnica della popolazione palestinese indigena. Nel dicembre 1947 c'erano 600.000 Palestinesi ebrei e 1,3 milioni di Palestinesi arabi. Gli Ebrei possedevano meno del 7% della terra e quasi tutte le terre coltivate erano di proprietà di Palestinesi arabi. In virtù di tale equilibrio demografico e geografico, i Palestinesi arabi consideravano qualsiasi piano che non permettesse loro di decidere del loro futuro come inaccettabile e immorale. [3]
 
Le Nazioni Unite hanno deciso di accontentare il leader ebraico David Ben-Gurion, consentendo un'immigrazione illimitata di ebrei e concedendo il 55% della terra palestinese allo Stato ebraico. La comunità ebraica sapeva, quando ha accettato questo piano delle Nazioni Unite, che i Palestinesi avrebbero rifiutato un accordo così ingiusto. La propaganda israeliana, tuttavia, ha sempre utilizzato la propria accettazione del piano delle Nazioni Unite e il rifiuto dei Palestinesi, come prova delle intenzioni pacifiche di Israele nei confronti dei Palestinesi. [4]
 
Il mondo arabo non disponeva di mezzi militari per fermare l'aggressione militare sionista. Tre mesi prima che gli eserciti arabi entrassero in Palestina nel maggio del 1948, le forze militari sioniste avevano iniziato a ripulire etnicamente i Palestinesi dalle loro case, campi e terre. Nel far ciò, le forze militari sioniste aggiunsero un altro 23% di terre palestinesi al 55% concesso loro dalle Nazioni Unite. A gennaio 1950, lo Stato di Israele occupava quasi l'80% della Palestina. [5]
 
Nuovi documenti declassificati nel 1998 dagli archivi delle forze di difesa israeliane dimostrano le massicce e intenzionali espulsioni pianificate dei Palestinesi. [6] L'acquisizione sionista della Palestina fu aiutata da rapporti dettagliati di ogni villaggio palestinese preparati da Haganah, la principale milizia clandestina sionista in Palestina. Questi dossier, che includevano fotografie aeree che indicavano i migliori punti di accesso e di entrata a ciascun villaggio, nonché il numero di armi detenute in ogni casa, consentirono ai sionisti di pianificare gli attacchi più efficaci contro i villaggi palestinesi. [7]
 
Ci furono dozzine di massacri nei villaggi palestinesi durante la "Guerra d'indipendenza" di Israele. Le forze sioniste erano più grandi e meglio equipaggiate dei loro oppositori e, alla fine della guerra, circa 750.000 palestinesi furono espulsi spietatamente dalle loro case. Metà dei villaggi palestinesi furono distrutti nella primavera del 1949, rasi al suolo dai bulldozer israeliani che lavoravano dall'agosto 1948. [8] Lo storico israeliano Tom Segev scrive: "Israele è nato dal terrore, dalla guerra e dalla rivoluzione e la sua creazione ha richiesto una buona dose di fanatismo e di crudeltà. " [9]
 
Intere città e centinaia di villaggi in Israele sono stati svuotati e ripopolati con nuovi immigrati ebrei. I Palestinesi persero tutto ciò che avevano e diventarono rifugiati indigenti, mentre gli immigrati ebrei rubavano i loro beni e confiscavano tutto ciò di cui avevano bisogno. [10] Lo storico israeliano Ilan Pappé scrive che l'acquisizione sionista della Palestina "è un caso flagrante di pulizia etnica, considerata oggi dal diritto internazionale come un crimine contro l'umanità". [11]
 
Norman Finkelstein scrive: "L'ingiustizia inflitta ai Palestinesi dal sionismo è manifesta e spiegabile solo con motivazioni razziste: il loro diritto all'autodeterminazione, e forse anche alla loro patria, viene negato". [12] Finkelstein conclude che "è scientificamente indiscutibile che vi fu una pulizia etnica dei Palestinesi nel 1948. " [13]
 
Israele afferma che la maggior parte dei rifugiati palestinesi è fuggita volontariamente, e non è stata espulsa. Tuttavia, Israele non permette ai Palestinesi di tornare alle loro case, come stabilito da una risoluzione delle Nazioni Unite poco dopo la guerra del 1948. Lo Stato di Israele è indubbiamente nato dalla pulizia etnica dei suoi abitanti palestinesi indigeni. [14]
 
Israele impone la supremazia ebraica
 
I leader israeliani hanno istituito una nazione razzista, creata esclusivamente per gli ebrei. Un Palestinese nato nei confini di quello che oggi è Israele non può ritornare nella sua terra natale e diventare un cittadino di Israele. Al contrario, un ebreo nato fuori da Israele può immigrare in Israele e ottenere istantaneamente la cittadinanza con numerosi benefici. Israele ha isolato le aree abitative, le scuole e le strutture ricreative dove i Palestinesi non sono ammessi. Anche la legalità del matrimonio tra ebrei e Palestinesi non è riconosciuta dalla legge israeliana. [15]
 
Il Dr. Israel Shahak, un sopravvissuto al campo di concentramento di Bergen-Belsen, è stato presidente della Israel League for Human and Civil Rights. Citando leggi e regolamenti che sono stati rigorosamente applicati in Israele, Shahak ha affermato che “lo Stato di Israele è uno stato razzista nel pieno significato di questo termine perché le persone sono discriminate, nel modo più permanente e legale e negli ambiti più importanti della vita, solo a causa delle loro origini... chi non è ebreo è discriminato, solo perché non è ebreo". Shahak ha denunciato la" grave discriminazione sociale subita da ogni cittadino israeliano ogni giorno della sua vita se sua madre non è ebrea ”. [16]
 
La pulizia etnica dei Palestinesi è continuata nel giugno 1967, dopo la guerra dei sei giorni, che i leader militari israeliani e l'intelligence statunitense sapevano che Israele avrebbe rapidamente vinto. [17] Israele conquistò e occupò la Cisgiordania in Giordania, la Striscia di Gaza in Egitto e le alture del Golan in Siria. Oggi questi territori sono ancora occupati da Israele. [18] In quanto Stato etnocentrico, Israele nega i diritti di voto e altre libertà politiche e civili agli oltre 4 milioni di Palestinesi nei territori occupati, a causa della loro etnia non ebraica.
 
Circa 300.000 palestinesi fuggirono o furono costretti all'esilio quando Israele conquistò la Cisgiordania e Gaza. Centinaia di villaggi sono stati sistematicamente rasi al suolo e oltre 2.000 case palestinesi sono state demolite o confiscate senza accuse né processo. Il governo israeliano ha confiscato il 50% della terra e l'80% delle riserve idriche in questi territori. Circa 100.000 ebrei si stabilirono in Cisgiordania e Gaza per sostituire i Palestinesi esiliati. [19] Queste azioni violavano la risoluzione 242 dell’ONU sulla sicurezza, che statuisce che Israele avrebbe dovuto ritirarsi da tutti i territori occupati nel 1967. [20]
 
La palestinese Striscia di Gaza è stata trasformata in un enorme ghetto carcerario. Circondati da recinzioni elettroniche e postazioni militari, ermeticamente separati dal mondo esterno, i Palestinesi a Gaza sono costretti a vivere in estrema povertà. La professoressa di linguistica israeliana Tanya Reinhart ha scritto: “Ciò cui assistiamo nei territori occupati - le colonie penali israeliane - è l'uccisione invisibile e quotidiana dei malati e dei feriti che sono privati delle cure mediche, dei deboli che non possono sopravvivere nelle nuove condizioni di povertà, e di quelli che sono quasi alla fame". [21]
 
I leader israeliani hanno attuato in tutta la Cisgiordania il loro modello di controllo perfezionato a Gaza. Dal maggio 2002, Israele costruisce un muro in Cisgiordania che, quando completato, renderà questo sistema di controllo una realtà. Lungo il percorso in costruzione, Israele espropria i contadini palestinesi della loro terra e li spinge in piccole enclave, strette tra recinzioni e muri. Alla fine i Palestinesi in Cisgiordania saranno circondati da tutte le parti, come lo sono attualmente i Palestinesi a Gaza. [22]
 
Ilan Pappé scrive: "In concreto, i territori occupati sono diventati una mega prigione sotto un rigido controllo militare - che per molti versi continua ancora oggi." [23] Steve Quester, esponente di Jews against the Occupation (ebrei contro l'occupazione), afferma che "[Tutta] La Cisgiordania è una prigione ... " [24]
 
La Knesset israeliana ha varato numerose leggi negli ultimi anni che discriminano i Palestinesi. La Legge Nakba del 2009, ad esempio, stabilisce che chiunque commemori il giorno dell'indipendenza di Israele come giorno di lutto è passibile di arresto. Questa legge è stata leggermente rivista a causa della pressione internazionale: l'arresto è stato sostituito dalla negazione di finanziamenti pubblici a qualsiasi entità che commemori la Nakba. Poiché praticamente tutte le istituzioni e le famiglie palestinesi ricordano e commemorano la Nakba, questa legge è altamente discriminatoria nei confronti dei Palestinesi. [25]
 
Israele perpetua un progressivo genocidio 
 
L'occupazione israeliana e i suoi insediamenti sono stati mantenuti attraverso l'uso organizzato e sistematico della violenza. I diritti dei Palestinesi sono stati ignorati. Il primo ministro israeliano Golda Meir ha giustificato le violente politiche israeliane quando ha dichiarato sordidamente che "qui non c'erano i Palestinesi" e ha affermato: "Non è come se ci fosse un popolo palestinese in Palestina che si considerava un popolo palestinese e noi siamo arrivati, lo abbiamo scacciato e portato via il loro paese. Non esistevano. " [26]
 
Vivere in un universo morale in cui gli ebrei israeliani sono le vittime permanenti e i Palestinesi non esistono, consente a Israele di giustificare quasi ogni misura. Il primo ministro israeliano Menachem Begin ha dichiarato alla Knesset dopo l'invasione israeliana del Libano: "Nessuno, in nessun luogo al mondo, può fare lezioni di morale al nostro popolo". Una dichiarazione simile è stata inclusa in una risoluzione adottata dal gabinetto di Begin, dopo i massacri nei campi profughi palestinesi alla periferia di Beirut. [27]
 
L'occupazione militare israeliana della Cisgiordania e di Gaza ha provocato uccisioni e distruzioni arbitrarie quotidiane. Amira Hass ha scritto nel gennaio 2005 che l'esercito israeliano “controlla Gaza attraverso le sue posizioni fortificate, che dominano aree residenziali densamente popolate; controlla Gaza con i suoi droni volanti e il loro ronzio incessante; i bulldozer che non hanno smesso di demolire, spianare, radere al suolo, sradicare negli ultimi quattro anni; gli elicotteri che sparano missili; gli ordini militari che trasformano strade e terreni agricoli e metà della costa in aree "vietate ai Palestinesi", in modo tale che qualsiasi Palestinese che li utilizza finisca per essere ucciso; ordini che chiudono tutti i passaggi di Gaza; i carri armati che sparano nei quartieri civili con ... obici e altre munizioni la cui frequenza rende impossibile contarli ... "[28]
 
Ilan Pappé scrive che ciò che l'esercito israeliano ha fatto nella Striscia di Gaza dal 2006 può essere opportunamente definito un genocidio progressivo. Le operazioni militari israeliane si sono costantemente intensificate in ogni area. Ilan Pappé scrive: [29]
 
In primo luogo, è venuta meno la distinzione tra obiettivi "civili" e "non civili": le uccisione indiscriminate hanno reso la popolazione nel suo complesso il principale bersaglio dell'operazione. In secondo luogo, c'è stata una escalation nell'impiego di ogni possibile macchina per uccidere che l'esercito israeliano possiede. In terzo luogo, c'è stato un notevole aumento del numero di vittime. Infine, e soprattutto, le operazioni si sono gradualmente cristallizzate in una strategia, indicando il modo in cui Israele intende risolvere il problema della Striscia di Gaza in futuro: attraverso una politica di genocidio misurata. Il popolo della Striscia, tuttavia, ha continuato a resistere. Ciò ha portato a ulteriori operazioni israeliane di genocidio, ma ancora oggi al fallimento del tentativo di rioccupare la regione.
 
Un rapporto della Conferenza delle Nazioni Unite per il commercio e lo sviluppo (UNCTAD) del 2015 afferma: “Tre operazioni militari israeliane negli ultimi sei anni, oltre a otto anni di blocco economico, hanno devastato la già debilitata infrastruttura di Gaza, distrutto la sua base produttiva, impedito una significativa ricostruzione o ripresa economica e impoverito la popolazione palestinese a Gaza ". Questo rapporto dell'UNCTAD prevede che, di questo passo, “Gaza sarà invivibile" nel 2020. [30]
 
Il blocco israeliano è la causa della disperata situazione di Gaza. L'UNCTAD afferma in un rapporto di un anno dopo: “Il pieno recupero della Striscia di Gaza è difficile senza l’abolizione del blocco, che colpisce indiscriminatamente l’insieme degli 1,8 milioni di abitanti di Gaza e li priva del loro potenziale economico, civile, sociale e dei loro diritti culturali, nonché del diritto allo sviluppo”. Questo assedio israeliano costituisce una forma di punizione collettiva ed è una flagrante violazione del diritto internazionale. [31]
 
Movimento BDS
 
Norman Finkelstein discute l'unica strategia realistica per Gaza di porre fine al blocco israeliano: [32]
 
Una strategia di resistenza nonviolenta di massa ... potrebbe ancora invertire la tendenza. Le risorse più ricche di Gaza sono la sua gente, la verità e l'opinione pubblica. Più volte, e di fronte a qualsiasi evento, il popolo di Gaza ha dato prova di una volontà granitica, basata su una "pura dignità indomita" ... di non restare schiavi ... La verità è dalla parte di Gaza. Se questo libro si trasforma a un certo punto in un crescendo di rabbia e indignazione, è perché le infinite menzogne su Gaza da parte di chi ne sa di più fanno torcere le budella. Gandhi chiamò la sua dottrina della nonviolenza satyagraha, che declinò come "Aggrappati alla verità". Se il popolo di Gaza, nella sua moltitudine, si aggrappa alla verità, è possibile – non diciamo probabile, tanto meno certo, appena possibile, e non senza immensi sacrifici personali, compresa la morte - che Israele sia costretta a porre termine al blocco soffocante.
 
Il movimento BDS è un modo nonviolento per la comunità internazionale di educare gli altri e fare pressione su Israele perché tratti i Palestinesi in modo equo. Secondo l'attivista ebraico-israeliano del BDS Jeff Halper, l'occupazione e il muro israeliani sono definibili come apartheid perché soddisfano esattamente la definizione della parola: separazione delle popolazioni sotto un regime in cui una popolazione domina permanentemente un'altra. [33] Tuttavia, le politiche discriminatorie di Israele vanno oltre la separazione delle popolazioni.
 
L'attivista ebreo-statunitense BDS Anna Baltzer spiega perché è necessario il BDS: [34]
 
Quando un paese che viola i diritti umani resta indifferente a decenni di pressioni esercitate con mezzi diplomatici, al diritto internazionale o alle sentenze della Corte internazionale di giustizia, è necessario un altro livello di pressione. Ad esempio, quando gli Stati membri violano ripetutamente le risoluzioni, le Nazioni Unite spesso impongono sanzioni come quelle attualmente imposte al Sudan per l'occupazione nel Darfur.
 
Israele è attualmente il paese che ha violato più risoluzioni delle Nazioni Unite rispetto a qualsiasi altro membro delle Nazioni Unite. Tuttavia, qualsiasi proposta dell’ONU per porre fine alla complicità internazionale con le trasgressioni di Israele è stata sistematicamente osteggiata dagli Stati Uniti, che ha posto il veto nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. La questione non è se Israele debba essere oggetto di pressioni da parte del BDS, ma piuttosto se debba essere esentata dal rispetto delle regole cui sono tenuti gli altri paesi.
 
Il mondo non può aspettare che Israele inizi a trattare equamente i Palestinesi. Israele non lo farà, a meno che non venga obbligata. Norman Finkelstein scrive: “… Israele si ritirerà dai territori occupati solo se i Palestinesi (e i loro sostenitori) potranno mettere insieme una forza sufficiente e modificare il calcolo dei costi per Israele: cioè rendere il prezzo dell'occupazione troppo alto. L’esperienza storica conferma questa ipotesi. " [35]
 
Conclusione
 
I dati storici indicano che Israele è un etnostato razzista e di apartheid nato dalla pulizia etnica della popolazione palestinese indigena. Israele ha un bilancio orribile in materia di diritti umani, ha violato più risoluzioni delle Nazioni Unite rispetto a qualsiasi altro paese delle Nazioni Unite [36], e ha massacrato e torturato civili palestinesi impunemente.
 
Una grave ingiustizia è stata fatta al popolo palestinese. Alfred Lilienthal ha citato il rabbino umanista israeliano, Benjamin:
 
Alla fine, dobbiamo dire pubblicamente la verità: che non abbiamo alcun diritto morale ad opporci al ritorno degli arabi nella loro terra ... Fino a quando non avremo iniziato a riscattare il nostro peccato contro i rifugiati arabi, non abbiamo il diritto di continuare ad accogliere i nostri esiliati. Non abbiamo il diritto di stabilirci in una terra che è stata rubata ad altri, quando i proprietari restano senzatetto e miserabili.
 
Non avevamo il diritto di occupare la casa di un arabo senza averla pagata secondo il suo valore. Lo stesso vale per campi, giardini, negozi, officine. Non avevamo il diritto di costruire colonie e realizzare una specie di sionismo con le proprietà altrui. Fare questo è una rapina. La conquista politica non può abolire la proprietà privata [37] degli esiliati. Noi non abbiamo il diritto di istallarci in una terra che è stata rubata ad altri, quando i suoi proprietari restano senza tetto e miserabili. 
 
L'AEN ha l'opportunità di far conoscere questi fatti agli studenti universitari. Però, con la presenza nell’Advisory Board di filo sionisti come Mark Yudof, Lawrence Summers e Deborah Lipstadt, questi fatti probabilmente non faranno parte del racconto di AEN. L'affermazione di Yudof secondo cui nessuna ipocrisia o doppi standard si applicherà nei confronti di Israele [38] sarà quasi certamente una retorica priva di contenuti.
 
 
Note finali
 
 
 
[3] Pappé, Ilan, The Forgotten Palestinians: A History of the Palestinians in Israel , New Haven, Conn .: Yale University Press, 2011, pp. 16-17.
 
[4] Id ., P. 17.
 
[5] Id ., Pag. 17-18.
 
[6] Pappé, Ilan, The Idea of Israel: A History of Power and Knowledge, London: Verso, 2014, p. 277.
 
[7] Pappé, Ilan, The Forgotten Palestinians: A History of the Palestinians in Israel, New Haven, Conn: Yale University Press, 2011, p. 15.
 
[8] Pappé, Ilan, A History of Modern Palestine: One Land, Two Peoples, Cambridge, UK: Cambridge University Press, 2004, pp. 130-131, 136-139.
 
[9] Segev, Tom, The Seventh Million: The Israelis and the Holocaust, New York: Hill and Wang, 1993, p. 63.
 
[10] Id., pp. 161-162.
 
[11] Pappé, Ilan, The Ethnic Cleansing of Palestine, Oxford: Oneworld, 2007, p. xiii.
 
[12] Finkelstein, Norman G., Beyond Chutzpah: On the Misuse of Anti-Semitism and the Abuse of History, Berkeley, Cal.: University of California Press, 2005, p. 8.
 
[13] Id., p. 5.
 
[14] Reinhart, Tanya, The Road Map to Nowhere: Israel/Palestine since 2003, London: Verso, 2006, pp. 1-2; Carter, Jimmy, Palestine: Peace Not Apartheid, New York: Simon & Schuster, 2006, p. 74.
 
[15] Pappé, Ilan, The Idea of Israel: A History of Power and Knowledge, London: Verso, 2014, pp. 272-273.
 
[16] Lilienthal, Alfred M., The Zionist Connection: What Price Peace?, New York: Dodd, Mead & Company, 1978, pp. 126-127, 743.
 
[17] Finkelstein, Norman G., Image and Reality of the Israeli-Palestine Conflict, 2nd edition, New York: Verso, 2003, p. 135.
 
[18] Reinhart, Tanya, Israel/Palestine: How to End the War of 1948, New York: Seven Stories Press, 2002, p. 8.
 
[19] Finkelstein, Norman G., The Rise and Fall of Palestine: A Personal Account of the Intifada Years, Minneapolis: University of Minnesota Press, 1996, p. 52.
 
[20] Pappé, Ilan, Ten Myths about Israel, London: Verso, 2017, p. 77.
 
[21] Reinhart, Tanya, Israel/Palestine: How to End the War of 1948, New York: Seven Stories Press, 2002, pp. 18, 175-176.
 
[22] Reinhart, Tanya, The Road Map to Nowhere: Israel/Palestine Since 2003, London: Verso, 2006, pp. 157-160.
 
[23] Pappé, Ilan, The Idea of Israel: A History of Power and Knowledge, London: Verso, 2014, p. 40.
 
[24] Farber, Seth, Radicals, Rabbis and Peacemakers, Monroe, Me.; Common Courage Press, 2005, p. 41.
 
[25] Pappé, Ilan, The Idea of Israel: A History of Power and Knowledge, London: Verso, 2014, pp. 272-273.
 
 
[27] Segev, Tom, The Seventh Million: The Israelis and the Holocaust, New York: Hill and Wang, 1993, p. 399.
 
[28] Reinhart, Tanya, The Road Map to Nowhere: Israel/Palestine since 2003, London: Verso, 2006, pp. 58-59, 157.
 
[29] Pappé, Ilan, Ten Myths about Israel, London: Verso, 2017, pp. 130, 133.
 
[30] Finkelstein, Norman G., Gaza: An Inquest into Its Martyrdom, Oakland, Cal.: University of California Press, 2018, p. 359.
 
[31] Id., p. 360.
 
[32] Id., pp. 363-364.
 
[33] Baltzer, Anna, Witness in Palestine: A Jewish American Woman in the Occupied Territories, Boulder, Colo.: Paradigm Publishers, 2007, p. 364.
 
 
[35] Finkelstein, Norman G., Image and Reality of the Israel-Palestinian Conflict, 2nd ed., New York: Verso, 2003, p. xxxiv.
 
[36] vedi nota 34
 
[37] Lilienthal, Alfred M., The Zionist Connection: What Price Peace?, New York: Dodd, Mead & Company, 1978, p. 748.
 
 
 
 
Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura
 
 
 
 
 
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020