Le jeune Afrique, 12 aprile 2007


Cinque persone incriminate a Nouakchott per legami con i terroristi

 

Da fonti giudiziarie si è appreso giovedì che cinque persone sono state incriminate mercoledì a Nouakchott per legami con organizzazioni terroriste.
Secondo la stessa fonte, citata giovedì dall'agenzia di stampa africana, si tratta di tre mauritani, Ahmed Ould Sabbar, Brahim Ould Sidi Ould Ely e Abdellahi Ould Jeddou e due Maliani, Mohamed Ould Ahemdi e Ahmed Ould Hassouna.
Sono accusati, precisa la stessa fonte, "di partecipazione ad una associazione per delinquere" aggravata dalla vendita di armi ad organizzazioni terroriste nei confronti di Ould Sabbar, Ould Ahemdi e Ould Hassona.
Il primo capo di accusa è sanzionato con una pena che va da 20 a 30 anni di reclusione ed una ammenda da 1 milione a 20 milioni di ouguiya (1 ougouya vale all'incirca 2 franchi CFA), mentre il secondo comporta una pena che va da un anno a 5 anni di prigione più un'ammenda da 100.000 a 1 milione di ouguiya.
Secondo questa fonte, al momento dell'arresto sono state trovate sui prevenuti delle armi.
I servizi di sicurezza mauritani si mostrano sempre più vigilanti dopo la recrudescenza, in questi ultimi tempi, delle attività terroriste nella sub-regione maghrebina, soprattutto in Algeria e nel vicino Marocco

 

 

 

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2022