silviacattori.net, 29 novembre 2013 (trad. ossin)



"Non voglio onori, solo la libertà"

Bahar Kimyongür: "Voglio tornare in libertà"


Silvia Cattori


Bahar Kimyongür si trova, a motivo solo delle sue opinioni, detenuto dal 21 novembre nel carcere di Bergamo, in Italia, per ordine della Turchia (*). Abbiamo ricevuto qualche notizia dalla moglie


Il Console del Belgio a Roma ha reso visita, venerdì, a Bahar Kimyongür, detenuto nella prigione di Bergamo dal 21 novembre 2013. Una prigione vecchissima e insalubre.


Si è trattenuto con lui per due ore. Bahar soffre il freddo, perché la finestra della sua cella non si chiude bene. Il morale è buono nonostante l'isolamento e il senso di immensa ingiustizia che lo affligge.


Può telefonare per soli dieci minuti, 2 volte al mese.


Ha potuto parlare venerdì sera con la moglie e i figli per dieci minuti. L'assenza di contatti con la sua famiglia da quando è stato arrestato è molto dura.
"E' da una settimana che tento disperatamente di telefonare", ha detto.


A proposito del suo arresto, Bahar ha precisato: "Sono stato arrestato da una dozzina di persone, civili e militari, all'aeroporto di Bergamo e condotto  negli uffici della polizia di frontiera".


"Voglio tornare in libertà. Se fossi stato un dissidente iraniano o cubano, mi sarebbero stati assicurati tutti gli onori. Io non voglio onori, ma la libertà"
.


I possibili esiti dell'udienza che si terrà lunedì prossimo sono:

- la sua liberazione
- gli arresti domiciliari
- la prosecuzione della detenzione fino alla successiva udienza



(*) http://www.ossin.org/turchia/bahar-kimyongur-arrestato-in-italia.html

 

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020