Unz Review, 31 ottobre 2021 (trad.ossin)

 

Perché nessuno parla della collisione di un sottomarino nucleare statunitense nel Mar Cinese Meridionale?

John V. Walsh

 

"Quando gli elefanti combattono, è l'erba che viene calpestata."

 

 

Così ha detto il presidente delle Filippine Rodrigo Duterte nel suo discorso all'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 22 settembre 2020. Si riferiva alle conseguenze per l'Asia orientale di un conflitto tra Stati Uniti e Cina.

 

Avanti veloce fino al 2 ottobre 2021, circa un anno dopo, e la prima erba è stata calpestata dall'elefante statunitense, mentre arrancava furtivamente, lontano da casa, nel Mar Cinese Meridionale. Quel giorno il sottomarino d'attacco a propulsione nucleare, l'USS Connecticut, ha subito gravi danni a causa di un incidente che la Marina degli Stati Uniti ha definito una collisione con un oggetto sottomarino.

 

Dopo aver subito danni, sembra che il sottomarino sia emerso vicino alle Isole Paracel, che si trovano a sole 150 miglia nautiche dalla base sottomarina cinese di Yulin nella provincia di Hainan. Il Connecticut è uno dei soli tre sottomarini della classe Seawolf, che si ritiene essere impegnati in missioni di spionaggio. Ma sono in grado di essere armati con missili da crociera Tomahawk a raggio intermedio (1250-2500 km), che possono portare testate nucleari. Si dice che, al momento, non lo fossero perché le "decisioni politiche" della Marina hanno "eliminato gradualmente" il loro ruolo nucleare, secondo il guerrafondaio Center For Strategic and International Studies.

 

Il fatto che un sottomarino nucleare statunitense con tali capacità abbia subito una collisione in grado di uccidere marinai statunitensi e versare materiali radioattivi nel Mar Cinese Meridionale, dovrebbe trovarsi in prima pagina in tutte le edicole degli Stati Uniti. Non è stato così, tutt'altro. Ad esempio, fino ad oggi (30 ottobre), quasi un mese dopo la collisione, il New York Times, l'approssimazione più vicina a un portavoce dell'élite della politica estera statunitense, non ha riportato notizie importanti sull'incidente, anzi proprio nessuna, per quanto io e diversi altri lettori assidui abbiamo potuto constatare. Evidentemente non è una notizia degna del Times. (Una notevole eccezione che vale la pena consultare è stata Craig Hooper di Forbes.)

 

Un blackout di questo tipo non sorprenderà coloro che si sono occupati della difficile situazione di Julian Assange, o dell'invasione statunitense della Siria, o ancora gli interventi appena nascosti degli Stati Uniti in varie operazioni di cambio di regime, solo per citare alcuni esempi

 

I media statunitensi accettato la versione dei fatti divulgata dalla Marina degli Stati Uniti, che ha aspettato fino al 7 ottobre per riconoscere l'incidente e ha poi emesso il seguente comunicato stampa straordinariamente conciso (l'ho modificato con cancellature e sostituzioni in corsivo per chiarirne il significato):

 

"

Il sottomarino di attacco rapido di classe Seawolf USS Connecticut (SSN 22) ha colpito un oggetto mentre era sommerso nel pomeriggio del 2 ottobre, in servizio nelle acque internazionali della regione indo-pacifica nel Mar Cinese Meridionale vicino o all'interno delle acque territoriali cinesi. La sicurezza dell'equipaggio rimane la massima priorità della Marina L' equipaggio è tenuto in isolamento a tempo indeterminato. Non ci sono feriti in pericolo di vita. Ciò consente di mantenere segreta l'entità delle lesioni subite dall'equipaggio.

 

Il sottomarino rimane in condizioni sicure e stabili nascosto alla vista del pubblico per nascondere il danno e la sua causa. L'impianto e gli spazi di propulsione nucleare della USS Connecticut non sono stati interessati e rimangono pienamente operativi sono in una condizione che viene nascosta al pubblico fino a quando non sarà possibile eseguire riparazioni estetiche per nascondere il danno. L'entità del danno al resto del sottomarino è in corso di valutazione anch’esso viene tenuto nascosto. La Marina degli Stati Uniti non ha richiesto assistenza non consentirà un'ispezione o un'indagine indipendente. L’incidente sarà oggetto di indagine insabbiamento continuerà.

"

Tan Kefei, portavoce del Ministero della Difesa Nazionale cinese, sebbene non così conciso, ha detto più o meno lo stesso della mia versione modificata sopra, come riportato dal Global Times cinese:

 

“Solo cinque giorni dopo l'incidente, la Marina degli Stati Uniti ha finalmente rilasciato una dichiarazione breve e poco chiara. Un approccio così irresponsabile, un tale insabbiamento (e) mancanza di trasparenza .. può facilmente portare a malintesi e giudizi errati. La Cina e i paesi vicini nel Mar Cinese Meridionale devono mettere in dubbio quanto affermato e interrogarsi sulle vere motivazioni”.

 

Ma Tan è andato oltre e ha fatto eco al sentimento del presidente Duterte;

 

“Questo incidente mostra anche che la recente istituzione di un partenariato di sicurezza trilaterale tra Stati Uniti, Regno Unito e Australia (AUKUS) per realizzare una cooperazione sottomarina nucleare ha comportato un enorme rischio di proliferazione nucleare, violando gravemente lo spirito del Trattato di non proliferazione, ha minato la costruzione di una zona denuclearizzata nel sud-est asiatico e ha posto gravi sfide alla pace e alla sicurezza regionali”.

 

"Riteniamo che le azioni degli Stati Uniti influenzeranno la sicurezza della navigazione nel Mar Cinese Meridionale, susciteranno serie preoccupazioni e disordini tra i paesi della regione e rappresenteranno una seria minaccia e un grave rischio per la pace e la stabilità regionali".

 

L’incidente dello USS Connecticut va oltre il potenziale di perdite radioattive dannose nel Mar Cinese Meridionale, con potenziali danni alle nazioni circostanti, comprese le zone di pesca importanti per l'economia. Se gli Stati Uniti continuano ad intensificare lo scontro lontano da casa nel Mar Cinese Meridionale, la zona di conflitto potrebbe estendersi a tutta l'Asia orientale. Questo gioverà in qualche modo alla regione? La regione vuole essere trasformata nello stesso relitto che il Medio Oriente e il Nord Africa sono diventati dopo decenni di crociate statunitensi per "democrazia e libertà" attraverso bombe, sanzioni e operazioni di cambio di regime? Sarebbe una svolta tragica per la regione economicamente più dinamica del mondo. La gente della regione non se ne rende conto? In caso contrario, lo USS Connecticut dovrebbe suonare come un campanello d'allarme.

 

Ma anche il popolo degli Stati Uniti dovrebbe riflettere attentamente su ciò che sta accadendo. Forse l'élite della politica estera degli Stati Uniti pensa di poter ritornare alla strategia degli Stati Uniti nella Seconda Guerra Mondiale, con la devastazione dell'Eurasia che lascerebbe gli Stati Uniti come l'unica potenza industriale in piedi sopra il relitto. Questi sono i vantaggi di una nazione insulare. Ma nell'era delle armi intercontinentali, gli Stati Uniti possono aspettarsi di uscire illesi da un conflitto, come è stato nella Seconda Guerra Mondiale? Il nodo si sta stringendo, come scrisse Krusciov a Kennedy al tempo della crisi missilistica cubana, e se è stretto troppo, nessuno potrà scioglierlo. Gli Stati Uniti si stanno spostando lontano da casa questa volta, dall'altra parte del mondo. Non dovrebbero stringere troppo quel nodo.

 

 

Ossin pubblica articoli che considera onesti, intelligenti e ben documentati. Ciò non significa che ne condivida necessariamente il contenuto. Solo, ne ritiene utile la lettura

 

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2021