Presentata nei primi giorni della guerra contro i terroristi, e mentre si formava la Corte penale internazionale dell'Aia, la misura ha provocato polemiche tra gli olandesi - forti alleati degli Stati Uniti – perché considerata un assurdo esempio di politica estera del «con noi o contro di noi» degli Stati Uniti. Ma la legge esiste ancora.

Formalmente nota come Legge di protezione dei militari statunitensi, tale misura è sarcasticamente conosciuta come la legge di invasione di L'Aia. Per strano che possa sembrare, la legge consente agli Stati Uniti l'invio di soldati a sorvolare i campi di innocenti tulipani, abbattersi sul paese degli zoccoli, passando i mulini a vento e minacciando le sonnolente vacche da latte attraverso la capitale olandese - una città che è sinonimo di diritto internazionale - e l'utilizzo della forza a tutti i soldati statunitensi.

Oggi, la maggior parte degli olandesi tratta il tema come uno scherzo ma è opinione diffusa che se la squadra di politica estera del Presidente Barack Obama vuole realizzare una simbolica rottura con l'ex Casa Bianca potrebbe cancellare questa legge invasiva.

Nel 2002, il diplomatico olandese Harold DeWitt ha scritto ai suoi colleghi: «Siamo molto allarmati per l'imminente invasione dei Paesi Bassi. I nostri soldati sono in grande allerta. Apprezzeremmo se ci voleste inviare qualsiasi notizia o informazione in particolare per quanto riguarda la possibile data. Vorrei informare i miei superiori, prima di ogni invasione».

La legge è stata approvata nel periodo tra le guerre afgana e irachena. Funzionari del Pentagono volevano evitare l'arresto per crimini di guerra da parte di un tribunale mondiale non ancora messo alla prova, un organismo che, temevano, potesse accettare dichiarazioni politiche antiamericane, invece di attenersi a impostazioni giuridiche.

Secondo i giuristi, i responsabili americani hanno sopravvalutato il potere del tribunale. In base alla regola fondamentale della Corte penale internazionale, denominata “complementarietà”, la Corte penale internazionale non ha il potere di perseguire i crimini guerra che gli Stati Uniti sono disposti ad indagare.

«L'argomento in favore della legge è sempre stato molto debole», ha dichiarato Mark Ellis, presidente della Associazione Internazionale Avvocati di Londra. «Secondo lo statuto della Corte penale internazionale, se dei soldati sono accusati di crimini di guerra, tutto ciò che gli Stati Uniti devono dichiarare è che si sta svolgendo uno sforzo di buona fede per indagare. In questo modo non sono sottoposti alla giurisdizione della Corte penale internazionale ».

Negli ultimi sei anni, nessun soldato americano è stato incriminato dal Tribunale penale internazionale e, in casi come Abu Ghraib, gli Stati Uniti sono stati disposti a indagare.
Ellis suggerisce che Obama, come esperto costituzionalista «si renda conto cosa significa questa legge... E speriamo di vedere velocemente un cambio di marcia del nuovo governo».

La Rinascita

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2022