Alcune notizie di agenzia


Manifestazione a Firenze della sinistra radicale

 

FIRENZE (Reuters) - La polemica sui lavavetri si trasferisce in piazza. Dopo giorni di schermaglie tra politici, intellettuali e opinionisti sui mezzi di informazione, questo pomeriggio i cittadini che dissentono dalla decisione di punire con il carcere i lavavetri manifesteranno a Firenze.
Un presidio "promosso da movimenti, associazioni, comitati e forze politiche della sinistra" inizierà questo pomeriggio alle 17 in Piazza Libertà, e avrà come scopo "il ritiro dell'ordinanza", riferiscono in una nota gli organizzatori.
Le forze politiche che hanno deciso di aderire all'iniziativa sono Rifondazione Comunista, Verdi, Sd e Pdci, che nei giorni scorsi erano stati tra i più critici verso la politica di "tolleranza zero" annunciata dalla giunta diessina del capoluogo toscano.
La scorsa settimana l'amministrazione comunale di Firenze ha annunciato un giro di vite contro i lavavetri, introducendo misure penali contro chi viene trovato con spugna e secchio ai semafori della città.
La scelta ha scatenato una forte polemica all'interno della maggioranza ricevendo critiche dall'ala sinistra ma anche plausi da altri sindaci di comuni governati dalla maggioranza che hanno annunciato l'adozione di misure analoghe.
Oggi il sindaco di Firenze e presidente dell'associazione dei comuni italiani, Leonardo Domenici, è tornato sulla questione difendendo l'ordinanza "leninista".
"In fondo si tratta di un'ordinanza leninista", ha detto Domenici al quotidiano la Repubblica. "Lenin diceva: il problema è l'analisi concreta di una situazione concreta. Questo stiamo facendo, vorrei far osservare a chi ci critica da sinistra".

 


 


Firenze | 3 settembre 2007
Domenici: sui lavavetri vado avanti, ho seguito la lezione di Lenin
 

Leonardo Domenici  (RAI NEWS 24)domenici.jpg
Per togliere i lavavetri dalle strade "ho applicato la lezione di Lenin". Parola del sindaco di Firenze Leonardo Domenici che scomoda il 'padre del comunismo' per spiegare come e perché lavare abusivamente i vetri ai semafori di Firenze non è più possibile.
Intervistato da 'la Repubblica' e dal 'Corriere della Sera', il sindaco di Firenze spiega che "Lenin diceva: 'il problema è l'analisi concreta di una situazione concreta'. Questo stiamo facendo e lo faccio osservare a chi da sinistra critica questa situazione".
Una 'decisione' che ha creato critiche e polemiche ma sulla quale il presidente dell'Anci non torna indietro: "Se ci sia un racket toccherà alla magistratura stabilire (...) noi facciamo la nostra parte e le altre istituzioni facciano la loro”.
"Al Parlamento e al governo, noi sindaci non chiediamo di risolvere il problema, ma di fornirci gli strumenti per agire. Siamo di fronte a un fenomeno nuovo, che ancora 15 anni fa non si poneva. Serve una legislazione nuova. Che integri il codice penale e quello di procedura penale, in modo da definire il reato e rendere certa la sanzione. Che precisi i poteri dei sindaci. Che garantisca le risorse: dopo cinque finanziarie di Berlusconi e purtroppo anche la prima di Prodi, mancano i mezzi per il risanamento, la riqualificazione, e anche per far rispettare la legalità".

 



Il Commento di ossin


La guerra e i lavavetri


C’è qualcosa di tragico, oltre che ridicolo, nelle iniziative di certi sindaci contro i lavavetri. Forse di ripugnante.
Sia per il fatto in sé, togliere la possibilità di racimolare qualche euro a sfortunati che non hanno altri mezzi, sia per le ragioni con le quali si cerca di giustificare l’iniziativa: addirittura la difesa della legalità, la difesa dei cittadini contro le aggressioni alla loro tranquillità.

La tranquillità dei cittadini è messa a rischio da molte altre cose, ma non si è mai visto uno di questi sindaci “coraggiosi” (da un po’ di tempo chiunque dice una idiozia viene definito coraggioso) emanare ordinanze contro gli sciami di motorini che quotidianamente disturbano la quiete pubblica e creano un  serio pericolo per l’incolumità dei cittadini. Non lo si è mai visto multare i commercianti che invadono abusivamente il suolo pubblico o combattere gli ingiustificati aumenti dei prezzi al consumo. Nè si è mai vista una seria campagna contro l’abusivismo edilizio.

La differenza tra lavavetri e motociclisti, tra lavavetri e commercianti è che i primi non votano.

Noi pensiamo che la legalità si difenda con la giustizia, dunque diffidiamo di quelli che colgono ogni occasione per indossare l’elmetto. Pensiamo che la guerra, anche solo contro i lavavetri, sia un esercizio di forza che non produce niente di buono se non l'aumento della insicurezza.

Poi c’è il ministro di polizia Giuliano Amato che esalta la ricetta newyorkese della “tolleranza zero”, quella che è riuscita a mettere in galera tutti i percettori di redditi inferiori al dollaro al giorno. Dice il ministro di polizia che la legalità si difende così, ma tace del fatto che già le galere sono piene di gente che non è per niente pericolosa: duplicatori di cd e dvd, fumatori di spinelli, contrabbandieri di sigarette, emigranti clandestini.
E tace anche del fatto che nessun evasore fiscale, nessun imprenditore responsabile della morte sul lavoro dei suoi operai, nessun costruttore di ecomostri, nessun commerciante che alza ingiustificatamente i prezzi abbia mai varcato i portoni delle patrie galere.
Quella del ministro di polizia non è una strategia per la legalità, è solo il tentativo di dare una risposta al senso di insicurezza dei cittadini senza pagare alcun prezzo politico, prendendosela coi più deboli, con quelli che non contano niente.
I ricchi sono diventati esigenti, vogliono tutto per sè e non vogliono pagare le tasse, che servono sì agli sprechi della politica, ma soprattutto a rendere servizi ai più deboli. E i loro sindaci si adeguano, arrampicandosi sugli specchi per nascondere la verità.

E’ così in tutto l’occidente. Il mondo si divide sempre più tra ricchi e poveri e, nel mondo dei ricchi, vincono i Sarkosy, i Berlusconi (ma Giuliano Amato è la stessa cosa, e forse anche altri), i Bush. Leader arroganti e ignoranti della condizone della povera gente, ma che rappresentano benissimo quella parte di mondo che vuole continuare a essere ricca a scapito di tutti gli altri.
La loro scelta di guerra diventa sempre più convinta mano a mano che si dimostra sempre più perdente. La crescita ininterrotta è insostenibile e prima o poi si dovrà porre mano alla redistribuzione equa delle risorse tra tutti i popoli del mondo. Però i ricchi e grassi popoli dell’occidente non ne vogliono sapere, vogliono continuare a strafogarsi di cibo e a spendere altrettanto per le diete, preferiscono dare da mangiare ai loro cani piuttosto che ai bimbi poveri.

La loro guerra è quella dei ricchi contro i poveri, ma la loro ignoranza è pari a quella di Maria Antonietta che, di fronte alla rivoluzione francese, si domandava perché i parigini manifestassero per la mancanza di pane quando ci sono anche le brioche.
Prima o poi faranno la stessa fine.

                                                                                                       Nicola Quatrano

Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2020