crisi sirianacrisi siriana 
Menu principale
Home
I Giorni Cantati
Dizionario del Diavolo
Reportage dal mondo
Rubriche
Uno sguardo al mondo
Press Room
Link
Come eravamo
Mappa del sito
Rss feed


 


 

Terrorismo islamista: la confusione degli Stati Uniti e la chiaroveggenza di Mosca

Russia, agosto 2014 - Dopo la decapitazione del reporter James Foley, Barack Obama sembra aver deciso di inviare droni in Siria, non più per colpire Assad, ma piuttosto i suoi avversari. E' un rovesciamento completo di ...

Gli Stati Uniti alleati della Siria contro lo Stato Islamico

Iraq, settembre 2014 - E' la ciliegina sulla torta della diplomazia del fast food: dopo avere urlato, all'unisono con Cameron e Sarkozy; "Bachar vattene", ecco che il presidente Obama chiede il permesso al suo omologo siriano ...

Al Qaeda nel Maghreb islamico al bivio?

Inchiesta, agosto 2014 - AQMI (Al Qaeda nel Maghreb Islamico) subisce oggi le conseguenze dei rivolgimenti in atto nei paesi mussulmani delle "rivoluzioni" arabe. Ad esse si aggiunge il grosso trauma dell'operazione Serval, che ha provocato ...

In Sinai una "sporca guerra" che non si dichiara

Egitto, settembre 2014 - Secondo il rapporto da poco pubblicato di Human Rights Watch, almeno 800 Fratelli Mussulmani sono stati uccisi il 14 agosto 2013 al Cairo dopo la destituzione del presidente Morsi, vale a dire "uno dei più ...

Secondo l’ambasciatore a Tripoli, Christian Graeff, si tratta di un omicidio politico

Stampa E-mail
 Libia, ottobre 2011 - La giornalista Silvia Cattori ha trascritto sul suo blog, quasi parola per parola, l’intervista accordata a France Culture, il 20 ottobre 2011, da Christian Graeff, ex ambasciatore di Francia in Libia (nella foto, Gheddafi morto)











Il blog di Silvia Cattori, 22 ottobre 2011



Morte del colonnello Gheddafi. Secondo l’ambasciatore a Tripoli, Christian Graeff, si tratta di un omicidio politico

La giornalista Silvia Cattori ha trascritto sul suo blog, quasi parola per parola, l’intervista accordata a France Culture, il 20 ottobre 2011, da Christian Graeff, ex ambasciatore di Francia in Libia


France Culture:
Dopo una guerra di otto mesi, come definisce il ruolo svolto dagli Occidentali nella caduta del regime di Gheddafi?

Christian Graef: Il mio interrogativo stasera è più limitato: quando è già capitato che la NATO abbia ucciso un capo di stato? Ecco, questa è la mia domanda. Io frugo nella mia memoria. Non trovo risposta. Per me c’è un assassinio politico. Ci sono responsabilità internazionali. L’epilogo sarà lungo. Io non lo vedrò, io sono vecchio. Ma per quanto mi è possibile giudicare, sono certo che si tratta di qualcosa che dovrà essere portata davanti alla Giustizia. Perché si sono sentite tante menzogne. Vi sono state tante manipolazioni nella mediatizzazione della guerra fatta dalla NATO in Libia al di là, molto al di là – oh, quanto al di là – del dettato della risoluzione 1973 delle Nazioni Unite, che delle domande verranno poste. Nessuno al mondo è in grado di metterle a tacere, né in Europa, né negli Stati Uniti, e ancor meno in Israele.

France Culture: Lei pensa che gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia abbiano inviato soldati di terra per esempio?

Christian Graef: Ascolti, sui dettagli tecnici non si sa molto; se ne sa più o meno a seconda delle fonti di cui si dispone. Quelle di cui dispongo io mi autorizzano a dire che gli interventi armati dell’Alleanza, della NATO, sono state considerevoli. E i simulacri, è così? La copertura che hanno cercato miserevolmente con il Qatar e gli altri Emirati o monarchie del Golfo sono risibili. E’ una pagliacciata.
Voi avrete forse avuto conoscenza del libro che sta per uscire, di Dumas e Vergès, nel quale accusano “Sarkozy succube di Bernard Henry Levy”. Ecco, vi sono nell’opera delle considerazioni assai polemiche, ne convengo, ma anche politiche e giuridiche… tutto un argomentario del quale la CPI (Corte Penale Internazionale), forse un giorno, dovrà essere portata a conoscenza…

France Culture: Sulla falsariga di quanto ha appena detto, quali sono queste domande, ineludibili secondo lei, che bisogna porsi a proposito del mandato dell’ONU che, secondo lei, è stato superato?

Christian Graef: Il mandato… è chiarissimo. Tutti lo sanno… E’ stata fatta una piroetta, hanno creduto di ingannare il mondo e poi… non si raggirano in democrazia gli spiriti liberi. Uno spirito servo è un’altra cosa. I media sono al centro del dibattito. In questo dibattito nazionale, in questo dibattito culturale, di civiltà, chi inganna chi?

 
 
/
/
Newsletter






Rss FeedFlickr