crisi siriana

 Siria, gennaio 2012 - Richard Le Hir, ex ministro canadese: "...Insomma, oggi in Siria c’è un mucchio di gente che viene manipolata e muore per niente altro che il perseguimento di interessi stranieri (nella foto, Nicolas Sarkozy)

Leggi tutto: Siria: un ex ministro canadese accusa Sarkozy

Write comment (0 Comments)
 Siria, gennaio 2012 - La Henry Jackson Society, un think tank dell’imperialismo liberale britannico, ha appena pubblicato il suo piano per una invasione anglo-americana della Siria. Una simile operazione, per la realizzazione della quale Londra si sta molto impegnando, precipiterebbe il mondo verso un conflitto nucleare tra gli Stati Uniti e la Russia...

Leggi tutto: La Henry Jackson Society pubblica il suo piano per l'invasione della Siria

Write comment (0 Comments)
 Siria, dicembre 2011 - Il dramma attualmente in atto in Siria non è locale, ma internazionale, trattandosi di uno dei luoghi di instabilità creati dall’oligarchia finanziaria inglese per scatenare un conflitto mondiale. Nel momento in cui l’impero finanziario off shore della City è sul punto di affondare, diverse agenzie britanniche sono al lavoro per forzare l’opinione pubblica mondiale a sostenere la distruzione della nazione siriana... (nella foto, Abdelhakim Belhaj)

Leggi tutto: Come Londra è al lavoro in Siria

Write comment (0 Comments)
 Siria, novembre 2011 - Nel suo ruolo di negoziatore e facilitatore tra il governo siriano e l’opposizione internazionale, la Turchia potrebbe fare molto, ma provocare la Siria alla frontiera, impartire lezioni a Bashar al Aassd come se fosse il governatore di una provincia ribelle dell’epoca ottomana  e sostenere quelli che uccidono i cittadini siriani non è certo un buon metodo (nella foto, Bashar al-Assad e Recep Tayyip Erdogan)

Leggi tutto: La Turchia ha delle mire sulla Siria: si prepara una nuova guerra

Write comment (0 Comments)
 Siria, ottobre 2011 - In questi ultimi mesi, i media dell’Impero USA e dei paesi subalterni usano sempre più frequentemente l’espressione “Primavera araba”, per indicare le proteste che fanno tremare diversi paesi nel mondo arabo. Prima di tutto intendiamo manifestare il nostro apprezzamento per il successo ottenuto dal popolo tunisino nel rovesciamento del presidente assoluto, Ben Ali, e la vittoria degli egiziani  che hanno detronizzato un faraone, Mubarak, figlio di Ramses II. A questo punto occorre notare che il regno del primo è durato ventiquattro anni, mentre la dinastia del secondo ha governato per oltre quattro decenni, senza che i media dell’Impero e quelli delle province europee abbiano fatto la minima allusione all’atrocità del loro imperium

Leggi tutto: Osservazioni sulla guerra imperialista contro la Siria

Write comment (0 Comments)
Torna alla home
Dichiarazione per la Privacy - Condizioni d'Uso - P.I. 95086110632 - Copyright (c) 2000-2017
credits: salernodev